La grande guerra tra musulmani Sciiti e Sunniti, tra Sunniti moderati e estremisti, tra Ucraina e Russia, e l’aggressione continua da parte del terrorismo palestinese integralista contro Israele obbliga tutti i leader a livello internazionale di riorganizzare la propria attività investendo sulla difesa della propria popolazione

“ Nutro il coccodrillo sperando di essere mangiato per ultimo “. Questo è il modo di comportarsi della civiltà occidentale dinnanzi alle scene dei Pogrom, dei terroristi islamico fondamentalisti"

 

 

Stiamo andando verso la fine dell'anno 2016: la fine dell'era Obama. Quando Obama fu eletto presidente degli Stati Uniti d’America, l’America era l'unica potenza mondiale che aveva intrapreso una politica di difesa attiva contro l’integralismo islamico. Otto anni fa’ l’America era l’unica potenza mondiale aveva respinto l’offensiva strategica dell’Islam integralista e aveva assunto una difesa attiva nel mondo intero contro il terrorismo internazionale in difesa della democrazia e della libertà.

Oggi reduci di un processo di distruzione economica che ha coinvolto il mondo intero e prevalentemente i paesi occidentali con conseguenze mai viste prima in tempi di pace ci troviamo davanti ad un enorme pericolo di guerra calda, attaccati e assaltati in casa propria.

Molti paesi, Germania, Francia, Belgio, Spagna, Inghilterra, Stati Uniti, Russia, Israele ecc… si trovano a subire un’aggressione terroristica di proporzioni strategiche che causa un enorme aumento dell’ansia a livello internazionale e la necessità di rispondere a questa minaccia in modo qualificato.

La grande guerra tra musulmani Sciiti e Sunniti, tra Sunniti moderati e estremisti, tra Ucraina e Russia, e l’aggressione continua da parte del terrorismo palestinese integralista contro Israele obbliga tutti i leader a livello internazionale di riorganizzare la propria attività investendo sulla difesa della propria popolazione.  Importanti aree dell’economia dal turismo, all’area alberghiera, alla ristorazione al processo di acquisto di beni dei vari negozi sono entrati in crisi in molti paesi che sono stati colpiti da diversi attacchi terroristici. Questi fatti causano destabilizzazione e pericolo per tutti i leader politici che si trovano schiacciati dal pericolo terroristico.

Purtroppo molto pochi per adesso hanno capito il pericolo incombente e hanno deciso di cominciare a costruire un sistema di difesa per la propria nazione. Solo con gli attacchi terroristici sul suolo americano e con l’intifada lanciata sulla popolazione civile israeliana il leader politici americani e israeliani hanno capito la necessità di dover difendere i propri paesi davanti a questa violenza di barbaria assoluta

Vasta parte della popolazione dei paesi democratici occidentali fatica a comprendere  la gravità del momento. Anche i paesi più importanti e più grandi del mondo come Francia e Germania che soffrono da sempre del “ perdonismo pacifista islamico” non sono stati in grado di prevenire e di difendersi con appropriatezza professionale dall’ondata del terrorismo islamico scoppiata. Questa difficoltà di capire i processi geopolitici mondiali aggrava in modo irreversibile la qualità della vita della popolazione. Le cose che stanno succedendo sono state tutte scritte per anni sui giornali, sui libri e sono state dette in TV. Nonostante tutto sono state ignorate. Esattamente con Hitler aveva annunciato sul Mein Kamph i suoi progetti che hanno causato la distruzione dell’Europa attraverso la seconda guerra mondiale, l’integrlismo fondamentalista ha annunciato la conquista del mondo da parte del califfato. Così come il patto Ribentrop-Molotov ha permesso a due dittatori barbari quali Hitler e Stalin pianificare di conquistare il mondo l’alleanza tra il fondamentalismo islamico estremista e il disfattismo pseudo pacifista occidentale permette ai gangster del terrorismo di continuare la destabilizzazione e colpire i sistemi democratici occidentali.

“ Con gli uteri delle nostre donne vi vinceremo, con le vostre leggi democratiche vi imporremo la nostra Sharia”. Questo proclama detto in chiare lettere a tutti noi non ha ottenuto la giusta reazione di sdegno perché tutti noi a partire dai nostri leader politici siamo impegnati nel fantasticare su riforme finanziare incredibili navigando in un mare di ignoranza.

Quale mondo vogliamo lasciare ai nostri figli? Come pensiamo possano vivere, studiare, lavorare e riposare? Noi abbiamo avuto dai nostri genitori una bella eredità che poggiava su un equilibrio fondamentale: benessere pace e progresso. Con la fine di quest’epoca questi tre punti si stanno trasformando sempre di più in povertà guerra e degenerazione. Se non avremo abbastanza risorse avendo speso tutto per curare i nostri genitori e sull’altro versante da investire per costruire un futuro dignitoso per i nostri figli ci toccherà purtroppo vivere in un mondo immerso sempre di più in conflitti, odio e povertà. Un mondo di questo tipo ha difficoltà di consolidare i sistemi democratici, combattere le dittature e dare libertà a tutti. Questo mondo così rischia di diventare un mondo chiuso dove le persone vivono impaurite, in guerra gli uni con gli altri, e alla ricerca frenetica, con sempre meno possibilità e opportunità, di poter migliorare la propria qualità della vita.

Nell’anno 1972 Oriana Fallaci intervistò Golda Meir. Una grande giornalista intervistava un grande leader Politico. Se si guarda questa fotografia e si pensa che 45 anni dopo stiamo discutendo se “chiudere” le donne in Burka viene un’immensa nostalgia e desiderio di poter avere due donne così alla guida delle due “ gambe “ del mondo occidentale una sugli USA l’altra sula UE.  Possiamo solo sperare in un ipotetico futuro di avere leader che assomigliano a loro invece che ad  Angela Merkel e Ilary Clinton il quale operato ci sta lasciando in una catastrofe storica: la donna “ imburkata” schiava è tornata all’età della pietra e i diritti degli essere umani sotto le scarpe del Califfo.

Abbiamo visto l’attacco del califfato nel 2014 dalle alture del Golan. I leader occidentali erano impegnati tra partite di golf e in piacevoli vacanze al mare. Gli orribili messaggi di gole tagliate, di gente bruciata viva di donne stuprate e vendute come schiave e della distruzione di civiltà millenarie con la totale indifferenza dell’ONU, della NATO e di tutta la politica mondiale. L’aggressione della barbaria terroristica sollevava poco interesse nelle persone che programmavano le vacanze estive. Imperversava la guerra civile in Siria con centinaia e migliaia di morti in maggioranza civili indifesi e ci ricordavamo Auschwitz, l’arcipelago Gulag, come Baghdad, come Damasco, come Raqqa, come Tripoli. A nessuno importava nulla.

“ Nutro il coccodrillo sperando di essere mangiato per ultimo “. Questo è il modo di comportarsi della civiltà occidentale dinnanzi alle scene dei Pogrom, dei terroristi islamico fondamentalisti. Da allora grandi attacchi sono avvenuti sul territorio europeo. Poche unità di terroristi addestrati e abituati a massacrare il prossimo hanno dato una prova della propria determinazione: “ di ucciderci tutti”. Una grande domanda che ci dobbiamo porre è “ vogliamo sopravvivere o soccombere”, “ essere o perire “.

Noi abbiamo un’idea:” Italia paese sicuro”. Ogni cittadino che ama il proprio paese, la sua patria, il suo popolo desidera vivere in una nazione sicura e garantire alla sua famiglia e alle persone che ama benessere, libertà, progresso e pace. Per avere queste caratteristiche ognuno dovrà essere pronto a combattere duramente nel difendere la sua Patria. Per vivere così un patriota deve essere formato, addestrato, educato così in questo modo ha la possibilità di raggiungere il suo obiettivo.

“ Vi faccio vedere come muore un Italiano” disse il grande Quattrocchi ucciso barbaramente contro ogni legge umana e divina da prigioniero dai selvaggi islamici. Lui ha insegnato alla giovane generazione di Patrioti italiani quello che i loro genitori e nonni sapevano benissimo: vivere da Patrioti nella propria patria, pronti a combattere per la sua libertà. Solo ricordando questi principi fondamentali che distinguono un patriota che è un uomo o donna che ha l’onore di amare la sua Patria rispetto a dei falliti, traditori e tossicodipendenti avvelenati dalle forze del male internazionale che attaccandoci ci obbligano a prendere in mano l’arma e combattere per la nostra libertà.

E’ ora di combattere svegliati Italia.

  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator

Posizione è...

Newsletter

Tieniti aggiornato con la nostra newsletter!







Tot. visite contenuti : 1554331
 34 visitatori online